IIT Home Page CNR Home Page

Governance dell'Internet del futuro

 

 

 

La spinta alla nascita degli studi sulla Internet Governance si identifica con il vertice mondiale sulla società dell'informazione (WSIS) di Tunisi del novembre 2005 che fu un momento di mobilitazione di una nuova rete globale di esperti interessati ai problemi del futuro di Internet che riconoscevano come la governance delle Rete, oltre ad essere una fonte di contesa politica, costituiva un nuovo e affascinante campo per la ricerca e l'educazione. La governance dI Internet è definita come lo sviluppo e l’applicazione da parte dei governi, della Global Civil society e del settore privato, di norme, regole e metodi condivisi che possano determinare l’evoluzione e soprattutto l’effettivo funzionamento di Internet. L'Internet Governance è quindi un concetto che include tutte le attività che determinano la evoluzione di Internet nei suoi vari aspetti tecnici, giuridici, economici, sociali e politici.

Il tema dell’Internet Governance è estremamente dinamico e, da Tunisi ad oggi, gli studi nei quali l’Internet Governance è trattata a livello globale incrementano, sia come numero, sia come intensità degli approfondimenti. Si tratta di una materia interdisciplinare di ricerca che si sta configurando a livello globale. L’attività svolta tratta un tema centrale e di cruciale importanza nel contesto delle società digitale. Sul piano scientifico sono di grande attualità gli studi su i modelli di gestione dell’ecosistema Internet, l’identità digitale, la regolamentazione necessaria per assicurare la sicurezza e la stabilità dell’infrastruttura, i problemi connessi agli utilizzi non appropriati della Rete come la privacy, gli aspetti etici, politici, giuridici ed economici collegati da un lato all’accesso ad Internet con conseguenze di digital divide e dall’altro la tutela della diversità culturale. Ciascuna di queste grandi aree coinvolge un gruppo specifico di attori, tecnologie e accordi istituzionali e quindi un progetto in questo ampio raggio viene realizzato seguendo una prospettiva di relazioni nazionali ed internazionali favorite dalla comunicazione via rete.

La Rete, qui intesa nella sua struttura formale di sistema nervoso capillarmente distribuito, è la più efficiente infrastruttura della globalizzazione - per un peculiare privilegio tecnologico: consente di inputare, distribuire e riscontrare al più basso livello possibile ogni evento riducibile a stato discreto: si va indifferentemente dal campo finanziario a quello militare a quello artistico ecc., con proprietà di programmazione e memoria. Internet è l'aspetto critico di questa infrastruttura della globalizzazione - per il suo modello di gestione: fenomeno di massa ad incremento esponenziale ormai irreversibile, intercetta con nativo processo di competenza autogestita (pubblico dominio dei protocolli) una sfera cui la politica è sensibilissima: la comunicazione, fonte e strumento di consenso e dissenso, norma e trasgressione. È facile vedere come proprio il mix di Tecnologia (di rete) e Comunicazione (in rete) generi una sfida ed una problematica gestionale semplicemente inedita.

 

Attività collegate:
Ricerca applicata
Ricerca di base
Altre attività