IIT Home Page CNR Home Page

La plasticità del cervello

25/03/2016
A cura di:

Soggetti esterni: Matteo Caleo (istituto di Neuroscienze del Cnr di Pisa)

Tenere giovane e allenata la mente è una delle grandi sfide della ricerca scientifica, che, nel campo delle neuroscienze, si occupa anche della ‘plasticità del cervello’, ossia la sua capacità di cambiare struttura a seconda degli stimoli ricevuti dall’esterno. Alcune delle nostre abilità le acquisiamo in tenera età quando il nostro cervello è estremamente ‘plastico’. Con il passare del tempo il cervello diventa meno disposto a ricevere stimoli, ma ciò non significa che non continuiamo ad apprendere nuove informazioni e conoscenze.
Insieme a Matteo Caleo, ricercatore dell’Istituto di Neuroscienze del Cnr e responsabile dell’Unità operativa di supporto dello stesso Istituto di Pisa, vediamo cosa succede al cervello durante la nostra vita e come si comporta nelle varie fasi, a partire dall’infanzia sino alla senilità. Scopriamo, inoltre, come riuscire ad allenarlo, mantenendolo elastico e ricettivo agli stimoli esterni, in modo da rallentarne l’invecchiamento e prevenire malattie neurodegenerative, come, ad esempio, il morbo di Alzheimer.