IIT Home Page CNR Home Page

L’arte celata

03/11/2014
A cura di:

Mauro Balestri

Foto di Mauro Balestri

Stefano Groppioni

Foto di Stefano Groppioni

Soggetti esterni: Maurizio Masieri – Istituto per i beni archeologici e monumentali del Cnr di Lecce

Un’opera d’arte nasconde tantissimi segreti. Cosa succede quando incontra la tecnologia? Nel laboratorio organizzato all’interno di Internet Festival 2014, Maurizio Masieri – ricercatore all’Istituto per i beni archeologici e monumentali del Cnr di Lecce – ci introduce nel mondo delle opere d’arte e ci spiega come gli strumenti tecnologici possono svelare l’arte “nascosta”: portarci oltre il “visibile” e permetterci di capire cosa nascondono quadri e dipinti, analizzarne gli elementi e cercare possibili soluzioni per eventuali restauri.
“Cerchiamo di capire qual è stata la ‘tavolozza’ usata dall’artista per il suo quadro”, ci informa lo studioso dell’Ibam-Cnr. “Possiamo scoprire moltissime cose attraverso le ultime tecnologie non distruttive, come il microscopio elettronico a scansione e la fluorescenza a raggi X, che ci permettono di analizzare il dipinto e di riconoscere i pigmenti utilizzati dal pittore. Questi elementi, una volta scoperti, sono importantissimi per poter dare indicazioni ai restauratori e alle sovraintendenze per intervenire, di conseguenza, in maniera adeguata sull’opera in questione e nel pieno rispetto del lavoro dell’artista”.