IIT Home Page CNR Home Page

Nffa-Trieste demonstrator: quando la ricerca apre le porte all’utenza scientifica europea (di nanoscienze)

01/06/2015
A cura di:

Stefano Groppioni

Foto di Stefano Groppioni

Nffa-Trieste Demonstrator è la beamline del progetto europeo Nffa-Europe (Nanoscience Foundries and Fine Analysis-Europe), dell’Istituto dell’officina dei materiali (Iom) del Cnr di Trieste. Nffa-Europe è uno dei quattro progetti del Cnr premiati nel bando “Infrastrutture” di Horizon 2020, coordinato dal prof. Giorgio Rossi.
“L’Istituto Officina dei materiali (Iom) del Cnr di Trieste sta proseguendo l’azione iniziata a suo tempo dall’Infm (Istituto Nazionale per la Fisica della Materia), di strutturare attorno agli strumenti per l’analisi fine (in questo caso la spettroscopia con luce di sincrotrone), anche ‘facility’ di crescita e caratterizzazione dei materiali ” dichiara il coordinatore del progetto,
uno dei quattro progetti vincitori del bando Infrastrutture di Horizon 2020, “onde poter offrire, all’utenza esterna e alla ricerca propria del Cnr, un’infrastruttura che permetta di compiere un percorso di ricerca completo, dalla fase di progettazione, simulazione (anche numerica) e fabbricazione del campione, fino all’analisi spettroscopica, o microscopica e quindi alla comprensione dei fenomeni peculiari delle nanoscienze”. “Il progetto Nffa-Europe riunisce i principali centri di luce di sincrotrone e di spettroscopia neutronica in un network” conclude Rossi, “che offrirà all’utenza scientifica europea di nanoscienze accesso integrato ad attività tipo foundry (crescita e caratterizzazione) e attività di spettroscopia, attività di simulazione numerica, con un sistema che offrirà contemporaneamente un data management, un sistema integrato di gestione e accesso ai dati, per gli utenti direttamente responsabili della ricerca che per eventuali utenti futuri che possano riutilizzare questo patrimonio di conoscenze che sarà prodotto nei prossimi quattro anni da questa collaborazione europea”.

Vedi anche: Quattro progetti CNR premiati nel bando infrastrutture