IIT Home Page CNR Home Page

Scienza in video

Scienza in video

Video Descrizione Con Data
La Ludoteca del Registro .it segna la sua penultima tappa del Roadshow a Lecce

La Ludoteca del Registro .it (l’anagrafe dei nomi Internet italiani gestita dall’Istituto di informatica e telematica del Cnr), arriva a Lecce come quarta tappa di un viaggio itinerante – dal Nord al Sud Italia – sull’uso consapevole della Rete, il mondo digitale e l’educazione consapevole, con giochi ed eventi dedicati ai bambini delle primarie e a genitori e docenti.
Con il Roadshow il Registro .it festeggia i 30anni dalla registrazione del primo indirizzo nome .it (cnuce.cnr.it).
Dopo Torino, Udine e Pescara, Lecce segna la penultima città designata per incontrare e istruire i più piccoli sul funzionamento della Rete e le opportunità connesse al mondo di Internet, senza trascurare i rischi da conoscere per poterli evitare. Come sempre, una parte della giornata è stata dedicata a genitori e insegnanti, che hanno partecipato al panel di esperti sul mondo digitale dei ragazzi e il loro rapporto con il Web, i genitori e la scuola.

26/05/2017
La scuola, i genitori e il digitale. E’ questione di “educazione”

l Roadshow della Ludoteca del Registro .it, che festeggia così il trentennale dalla prima registrazione dei domini .it (il primo nome cnuce.cnr.it è stato registrato il 23 dicembre del 1987) è iniziato a Torino il 2 marzo, con relatori ed esperti d’eccezione e tra questi il sociologo Giovanni Boccia Artieri, sociologo, saggista e professore di Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo.
La Ludoteca, che in questo percorso intende scoprire, insieme ai piccoli internauti, dal Nord al Sud Italia, il funzionamento, le problematiche e le opportunità connesse al mondo di Internet, ha ideato uno spazio pomeridiano dedicato a genitori e insegnanti, con un workshop sulla Web App Internetopoli e un panel sul rapporto tra i più giovani e il mondo digitale, spesso poco conosciuto ai docenti e alla famiglia. E proprio su questo tema abbiamo cercato di capirne di più con un’intervista a Boccia Artieri.

12/04/2017
Il Roadshow della Ludoteca del Registro .it è arrivato a Udine

l Roadshow della Ludoteca del Registro .it, partito da Torino, il 2 marzo, è giunto a Udine.
L’iniziativa, organizzata per festeggiare il trentennale dalla prima registrazione dei domini .it (il primo nome cnuce.cnr.it è stato registrato il 23 dicembre del 1987), intende illustrare ai piccoli internauti – da Nord a Sud – il funzionamento, le problematiche e le opportunità connesse al mondo di Internet.
La giornata ricca di eventi, come di consueto è stata suddivisa in due sessioni (la mattina per i più piccoli; il pomeriggio per gli adulti, genitori e docenti).
La sessione mattutina ha registrato 130 bambini delle scuole primarie di Udine (‘Toppo Wassermann’, Istituto Comprensivo 5, ‘Zardini’, istituto comprensivo 4, “E. Girardini”, Istituto Comprensivo 6) e Trieste (‘Umberto Saba’, Istituto Comprensivo Roiano Gretta), che hanno partecipato al laboratorio e ai giochi della Ludoteca.
Il pomeriggio ha visto il workshop del Registro sulla Web App Internetopoli e .itContest, il concorso bandito per i trentanni del .it; e il panel dedicato al digitale e al futuro con Simone Puksic (Presidente Insiel S.p.A.), ai ponti da costruire per abbattere il ‘digital divide’ con Oriana Cok (Thinker, manager e imprenditrice di Gruppo Pragma e Intoote, in Area Science Park a Trieste) e al Cyberbullismo con Giovanna Tambasco (Dipartimento di Scienze Formazione e Psicologia dell’Università degli Studi di Firenze) e Giacomo Trevisan (Associazione M.E.C.). Immancabile l’intervento di Giuseppe Augiero (Ftgm-Cnr) sulla sicurezza in Rete.
Il Roadshow attraverserà il Belpaese con un percorso previsto di 4 tappe: dopo Torino e Udine, la prossima tappa sarà il 20 aprile a Pescara, il 4 e l’11 maggio rispettivamente a Lecce e Roma.

10/04/2017
L’articolo 9 protagonista con gli studenti all’Istituto di ottica del Cnr

Il Progetto e Concorso nazionale Articolo 9, promosso dal Miur, insieme a Fondazione Benetton Studi Ricerche e Mibact, che vuol far incontrare i giovani con la ricerca in nome dell’articolo 9 della Costituzione italiana, è giunto ad Arcetri sede dell’Istituto nazionale di ottica del Cnr.
Qui, circa 70 studenti delle scuole secondarie di secondo grado hanno assistito all’evento dal titolo “La scienza che vede lontano”: una serie di seminari sull’ottica e sull’importanza della luce, che non serve soltanto per vedere, ma che ha diverse potenzialità, anche tecnologiche. In questa occasione, i giovani partecipanti hanno potuto assistere e partecipare attivamente a diversi esperimenti.
La mattinata si è chiusa con una verifica sui temi affrontati durante i seminari: i ragazzi hanno partecipato con entusiasmo al gioco finale e con smartphone alla mano hanno risposto a ciascuna delle 18 domande selezionando la risposta corretta tra le quattro proposte.
L’incontro si inserisce all’interno delle iniziative didattiche e scientifiche, organizzate dal Cnr, all’insegna del tema di quest’anno dal titolo ‘Cittadini partecipi della ricerca scientifica e tecnica’.
Il progetto promosso dal Miur, insieme a Fondazione Benetton Studi Ricerche e Mibact, vuole trasmettere ai più giovani la conoscenza dell’articolo 9 della Costituzione italiana attraverso l’importanza della ricerca e del patrimonio culturale.

13/03/2017
La Ludoteca del Registro .it: il Roadshow parte da Torino

E’ iniziata a Torino la prima tappa del Roadshow della Ludoteca del Registro .it, che festeggia così il trentennale dalla prima registrazione dei domini .it (il primo nome cnuce.cnr.it è stato registrato il 23 dicembre del 1987).
In questa occasione, la Ludoteca intende scoprire, insieme ai piccoli internauti, dal Nord al Sud Italia, il funzionamento, le problematiche e le opportunità connesse al mondo di Internet.
La città che ha dato il via a questo progetto itinerante è stata Torino, il 2 marzo. Sono 74 i piccoli internauti (della scuola primaria ‘Vittorino da Feltre’) che hanno partecipato alla sessione mattutina di giochi, cartoni e cruciverba sulla Rete. Nella sessione pomeridiana, invece, docenti e genitori hanno assistito a un panel, sul rapporto tra i più giovani e il mondo digitale, con relatori d’eccezione: il sociologo Giovanni Boccia Artieri, la ricercatrice Eleonora Pantò, la psicologa Ersilia Menesini e l’esperto di sicurezza Giuseppe Augiero.
Il Roadshow attraverserà il Belpaese con un percorso previsto di 4 tappe: dopo Torino il 23 marzo a Udine, il 20 aprile a Pescara e il 4 maggio a Lecce.
Tutte le soste del Roadshow saranno un’ottima occasione per promuovere .itContest, il nuovo concorso per le scuole, a cui potranno partecipare i bambini di tutte le classi della scuola primaria e i ragazzi della prima classe della scuola secondaria di primo grado. Gli studenti dovranno produrre un elaborato che tratti di nomi .it, identità digitale, presenza in Rete, valorizzazione del “Made in Italy” attraverso il .it e tutti i cambiamenti che Internet ha portato nella nostra vita. Per festeggiare il trentennale del Registro .it, .itContest donerà mille euro alla scuola dei vincitori, per l’acquisto di materiale didattico-tecnologico.

09/03/2017
I giovani al Cnr di Pisa in nome dell’articolo 9

L’Area della ricerca del Cnr di Pisa è l’ennesima tappa prevista nel programma di iniziative didattiche, visite e conferenze scientifiche della quinta edizione del Progetto e Concorso nazionale dedicato all’Articolo 9 della costituzione italiana, per far incontrare i giovani con la ricerca e le potenzialità del loro futuro.
Al Cnr della città pendente, circa duecento studenti delle scuole secondarie di secondo grado hanno incontrato Domenico Laforenza, direttore dell’Istituto di informatica e telematica e responsabile del Registro .it, l’anagrafe dei nomi a targa .it, che li ha intrattenuti con un seminario sulla Rete, dal titolo “Verso l’Internet del Futuro”: un viaggio-racconto dedicato proprio ai più giovani, grandi utilizzatori di Internet, attraverso social e app, ma di cui conoscono poco potenzialità e pericoli.
Il titolo dell’edizione di quest’anno ‘Cittadini partecipi della ricerca scientifica e tecnica’ vuole rendere i giovani protagonisti della società in cui vivono e aiutarli a sviluppare una partecipazione attiva e critica sia per ciò che concerne la ricerca e la scoperta che il patrimonio culturale.
Il progetto promosso dal Miur, Fondazione Benetton Studi Ricerche e Mibact, si avvale della collaborazione scientifica del Cnr, del Senato, della Camera dei Deputati, e dei Ministeri degli affari esteri e della difesa.

07/03/2017
Il viaggio di Renzo

All’interno del progetto di alternanza scuola-lavoro, Giuliano Kraft e Stefano Groppioni della Webtv del Cnr di Pisa hanno realizzato questo video, proiettato alla Cittadella Galileiana, il 27 gennaio, in occasione della Giornata della memoria delle vittime dell’Olocausto.
Renzo Roccas, nato a Roma il 10 giugno 1927 da una famiglia ebraica. Il padre Mario Roccas e la madre Elda di Nola si trasferirono a Pisa per motivi di lavoro del padre e la famiglia andò a vivere in un appartamento in Piazza San Paolo all’Orto, accanto alla chiesa omonima. A Pisa Renzo fu iscritto al liceo classico “Galilei”, ma poi, a causa dell’approvazione delle leggi razziali, fu espulso dalla scuola e costretto a frequentare l’istituto Santa Caterina. Allo scopo di sfuggire alla deportazione, dopo l’8 settembre del ’43, fu sfollato con la famiglia a Chianni, paesino in provincia di Pisa. Il 21 aprile del 1944, vennero arrestati e Renzo fu temporaneamente relegato nel carcere di Pisa. Da qui, dopo un trasferimento al campo di concentramento di Fossoli, in provincia di Modena, venne deportato ad Auschwitz. La partenza avvenne con il convoglio n.10 del 16 maggio e fu per loro l’ultimo viaggio: sul quel treno c’erano anche suo padre Mario e sua madre Elda e la nonna Valentina; raggiunsero Auschwitz con un viaggio terribile durato ben otto giorni, e non fecero mai ritorno.
Renzo, dall’arrivo al tristemente famoso campo di sterminio in Polonia, il 23 maggio del 1944, sopravvisse fino al 31 ottobre dello stesso anno. Non si hanno informazioni in merito alla causa del suo decesso.
La vita di questo ragazzo e della sua famiglia verrà a breve ricordata con la posa di una Pietra d’inciampo che sarà posta davanti alla loro abitazione a Pisa.

06/02/2017
Il fenomeno Lercio: tra Mockjournalism e satira

Internet Festival 2016 – Lercio.it è un blog collettivo di satira giornalistica nato nel 2012 e in forte ascesa negli ultimi anni. Lercio da anni si cimenta nello splendido esercizio intellettuale della parodia giornalistica, un genere di satira che prende il nome di ‘mock journalism’, crasi tra il verbo ‘to mock’ (parodiare) e il sostantivo ‘journalism’. Ed è anche per capire che differenza c’è tra ‘mock journalism’ e ‘bufala’ che abbiamo intervistato uno dei redattori di Lercio.it, Andrea Michielotto.

24/01/2017
Il senso di Internet per Peppino Ortoleva

Nodi virtuali, legami informali: Internet alla ricerca di regole. A trenta anni dalla nascita di Internet e a venticinque dalla nascita del Web”. A questo evento, patrocinato dal Registro .it, l’anagrafe dei domini Internet italiani gestita dall’Istituto di informatica e telematica del Cnr, hanno partecipato diversi esperti della Rete, tra cui Tommaso Edoardo Frosini componente del consiglio di amministrazione del Cnr, Domenico Laforenza, direttore dell’Iit-Cnr e responsabile dell’anagrafe dei nomi Internet italiani e Peppino Ortoleva, accademico e storico italiano, in particolare studioso di storia e teoria dei mezzi di comunicazione. A quest’ultimo abbiamo chiesto dell’attualità della metafora del festival (Internet=tessuto digitale) e di raccontarci degli ultimi trenta anni di Internet, cosa è cambiato e cosa dobbiamo aspettarci nel futuro digitale.

17/01/2017
La tecnologia nelle disabilità intellettive e sensoriali

Internet Festival 2016 – “Sfruttare la tecnologia nelle disabilità intellettive e sensoriali”. Un messaggio chiaro e proposte concrete su come poter utilizzare la tecnologia a 360 gradi: l’idea è quella di incentivare l’ideazione e lo sviluppo di strumenti nuovi e specifici, adatti ad ogni tipo di disabilità, per sopperire ad una carenza strutturale effettiva della società in cui viviamo e permettere le persone con disabilità intellettive, autismo e
disabilità sensoriali, di esprimere al meglio i loro talenti e le loro potenzialità.
L’evento è stato curato da Susanna Pelagatti, Dipartimento di informatica dell’Università di Pisa, Barbara Leporini (Isti-Cnr), Marina Buzzi e M. Claudia Buzzi (Iit-Cnr)

Maria Claudia Buzzi 17/01/2017