IIT Home Page CNR Home Page

Internet vizi e virtù - ciclo di seminari sui temi della Internet Governance

Ciclo di seminari per alunni ed insegnanti dei Licei Pellegrino Rossi e Giovanni Pascoli di Massa

L’iniziativa prevede quale tipologia la realizzazione di una serie di cinque attività seminariali della durata di due ore, da svolgersi secondo le modalità della formazione in aula con il supporto di strumenti audiovisivi e di connessione alla rete; sarà altresì dedicato uno spazio ad interventi da parte degli studenti presenti in aula, a commento delle loro esperienze in Rete Internet. L’azione di formazione che si propone sarà implementata anche nella visione di una possibile ulteriore diffusione negli anni a venire. Il corpo docente comprenderà esponenti del mondo  di ricerca, studiosi ed esperti del Sistema Internet, che inquadreranno le tematiche all’interno degli scenari nazionali ed internazionali. Data la specificità del tema sarà incentivata la creazione di forum in Rete che consentano il mantenimento del dibattito anche dopo la chiusura del ciclo.

Contenuti formativi

Internet consente una diffusione della conoscenza inedita rispetto al passato, fornendo uno sviluppo del sapere che oggi può essere prodotto, distribuito e scambiato da ciascuno di noi con grande efficacia e rapidità, con poche azioni di mediazione. L’immagine di Internet che si va configurando in questo momento storico è ambigua e forviante: ciò perché essa è vista alternativamente come isola felice e a volte come una catastrofe annunciata. Facebook, Twitter, YouTube, LinkedIn, Friendfeed sono solo alcuni dei più noti social network, cioè reti online di persone che utilizzano Internet come punto di incontro per attività sociali e nuovi modelli di relazione. L'equilibrio tra la disponibilità in linea di dati personali (foto, conversazioni, storie di vita vissuta, ecc.) e la loro riservatezza è però molto complesso; le responsabilità per il trattamento dei dati sono in genere attribuite, in mancanza di prassi e di regole consolidate, agli utenti o ai gestori delle reti, ma appare evidente come un approccio semplicistico non sia adeguato. Si tratta quindi di acquisire abilità e consapevolezza sui comportamenti necessari ad un uso responsabile della Rete, di affinare la analisi e districarsi tra utilizzi buoni e cattivi, tra strumento di arricchimento personale e dipendenze patologiche, tra libertà di espressione e censura, tra sicurezza delle applicazioni e rispetto della privacy, tra libera circolazione di informazioni e rispetto della proprietà intellettuale. Non basta che i giovani siano forniti di accesso alla rete e sappiano navigare in Internet, è importante che si sviluppi in loro una approfondita conoscenza del Sistema Internet in tutte le sue parti. Il ciclo di seminari risponde al bisogno di una educazione all’impiego delle tecnologie e all’uso critico e consapevole della rete e dei suoi strumenti.

I seminari

Qui di seguito il dettaglio del ciclo di cinque seminari.


[1]         

Titolo: Il sistema Internet: la infrastruttura, gli utenti e le applicazioni

Relatore: Dott.ssa Laura Abba, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto IIT

Data: mercoledì 21 novembre 2012, ore 15:30

Luogo: Liceo Pellegrino Rossi, via Democrazia 2, Massa

Sommario: Con questa primo seminario si vuole sollecitare una riflessione sulla realtà odierna del Sistema Internet. Si intende fornire una valutazione globale sullo stato della rete, sulle iniziative più rilevanti in ambiente internazionale e sulla situazione nel nostro paese, attraverso una presentazione che partendo dalle origini della rete, senza troppo entrare in dettagli tecnici, ha l'ambizione di fornire una visione globale del fenomeno Internet. Un fenomeno sfuggito al controllo dei governi e che porta con se due miracoli:  quello tecnologico [miliardi di "computer, cellulari, ...." connessi alla rete]  e quello  socio-economico rappresentato da uno strumento così potente e straordinario per la diffusione dell'informazione che ha aggregato una vera e propria comunità di persone con  molteplici interessi.

CV relatore: Laurea in Matematica, Dirigente Tecnologo del Consiglio Nazionale delle Ricerche (www.cnr.it). Fra i massimi esperti di cultura e tecnologie Internet, ha partecipato ai progetti che hanno introdotto e sviluppato la rete in Italia, collaborando alla creazione e allo sviluppo della società dell'informazione. Opera con continuità alla distribuzione (formazione e aggiornamento, convegni, rendiconti editoriali) di cultura e tecnologie Internet: è membro dei comitati organizzativi, tecnici, scientifici, di numerosi eventi dedicati; è autore di numerose pubblicazione e rapporti tecnici. Membro del Consiglio Direttivo del capitolo italiano della Internet Society (www.isoc.org), la associazione fondata da chi ha creato la rete, partecipa al processo dell'Internet Governance Forum, l'organismo attivato dalle Nazioni Unite per facilitare il dialogo tra tutte le parti interessate (stakeholders) allo sviluppo del sistema Internet (www.intgovforum.org).



[2]      

Titolo: Aspetti sociologici dell'uso di Internet

Relatore: Ing. Stefano Trumpy, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto IIT

Data: giovedì 29 novembre 2012, ore 15:30

Luogo: Liceo  Giovanni Pascoli, Viale Stazione 49, Massa

Sommario: Dopo la fase di Ricerca [anni '70 - '80] e Sviluppo [anni '80 - '90], col nuovo millennio Internet ha connotato in modo penetrante il nuovo standard di relazioni pubbliche fra il cittadino e le istituzioni ed, al tempo stesso, libera una moltitudine di modelli vincenti e irrevocabili di relazioni individuali e di gruppo [incrementi di conoscenze via web, mail, gruppi di interesse, chat, forum, social network,   ...]. Discutiamo dei fondamentali impatti sociologici di questa vincente  interconnessione di reti e relazioni.

CV relatore: Classe 1945; ingegnere. Associato di ricerca presso l'Istituto di Informatica e Telematica del CNR. Responsabile della introduzione di Internet in Italia come direttore dell'Istituto CNUCE del CNR di Pisa (1983-1996) che attivò il primo link permanente alla rete ARPANET. Primo direttore del Registro dei nomi a dominio di Internet per l'Italia - ccTLD ".it" (1987-1999). È il rappresentante italiano nel Governmental Advisory Committee (GAC) di iCANN e membro del Security and Stability Committee. Promotore dell'adesione del CNR tra i fondatori della Internet Society (1992). Presidente del chapter italiano della Internet Society (ISOC Italia) dalla fondazione. Attivo nelle azioni di sviluppo del processo dell'Internet Governance Forum a livello locale e globale. Svolge intensa attività di conferenziere e pubblicista; autore di un centinaio tra articoli scientifici, relazioni a convegni.


[3]      

Titolo: Le regole per Internet

Relatore:  Dott.ssa Antonella Giulia Pizzaleo, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto IIT

Data: da definirsi, inizio 2013

Luogo:  Liceo Pellegrino Rossi, via Democrazia, Massa

Sommario: Di regole per la rete c'è assoluto bisogno, proprio per assicurare la libertà, i diritti individuali, la continuità operativa, la stabilità e la sicurezza della rete nel futuro. I laboratori di ricerca di tutto il mondo sono oggi al lavoro per realizzare l'Internet del Futuro, la ragnatela di servizi di nuova generazione che promette di rivoluzionare in modo ancor più  radicale il rapporto tra utenti e informazioni. Ma la nuova rete chiede fina da subito che sia definito un adeguato sistema regolatore. La questione chiave è quella di trovare un equilibrio per assicurare un uso di Internet libero e sicuro, salvo rispondere di eventuali abusi e alle eventuali vittime di tali abusi di ottenere la tutela dei propri diritti. L'attuale assenza di regole fondamentali non si traduce necessariamente in maggiore libertà, ma può al contrario significare la prepotenza del più forte sul più debole. Siamo di fronte a una sfida grandissima. In assenza di un sistema regolatore, dicono gli esperti, il sistema Internet rischia il collasso, sul modello di quanto è già avvenuto per l'economia mondiale.

CV relatore: Laurea in Scienze della comunicazione e Phd nello stesso campo. Tesi di laurea, poi pubblicata, su la filosofia e l’applicazione della metodologia soft computing (specificamente, relativa alla logica sfumata) in sistemi complessi. La tesi trattava l’epistemologia e la conoscenza del web: partendo dall’analisi delle tre principali metafore della macchina (Turing machine, sistemi esperti e reti), ha studiato la relazione tra mente corrispondente e teorie di apprendimento. Dopo il PhD, i suoi interessi principali sono: strategie di innovazione per sistemi complessi, specialmente pubblica amministrazione, e governance globale e locale della rete. Ha contribuito a diverse pubblicazioni (saggi e libri). Attualmente si occupa di Internet Governance presso il Consiglio Nazioanle delle Ricerche, Istituto di Informatica e Telematica. Segue dal 2006 gli Internet Governance Forum internazionali ed è parte, sin dal principio, del gruppo di esperti che ha promosso i Forum nazionali. È consulente presso pubbliche amministrazioni e collabora con alcune testate giornalistiche nazionali sui temi della Internet Governance, dell’e-government, dei processi di innovazione digitale.

 


[4]      

Titolo: Il diritto di accesso a Internet

Relatore: Dott.ssa Valentina Amenta, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto IIT

Data: da definirsi, inizio 2013

Luogo: Liceo  Giovanni Pascoli, Viale Stazione 49, Massa

Sommario: L'accesso alla Rete, in Italia significa - o può significare - democrazia elettronica, promozione della cultura, del sapere e della creatività ma anche nuove opportunità di lavoro e di fare impresa per giovani e meno giovani. Un impegno contro ogni esclusione, o anche solo limitazione, all'accesso della Rete ha portato alla proposta - ancora in discussione - di inserire in Costituzione l'articolo <<Tutti hanno eguale diritto di accedere alla Rete Internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale>>. Le istituzioni pubbliche e le autorità locali iniziano ad offrire alla cittadinanza punti di accesso gratuiti ad Internet, con e senza fili, in biblioteche, scuole, piazze, e altri centri di aggregazione pubblici. Quali sono le problematiche di ordine normatvo ed economico che ostacolano la distribuzione di accessi gratuiti a Internet in Italia?

CV relatore: Nata nel 1983. Laurea presso l'Università di Economia di Pisa, tesi di laurea “La tutela del consumatore nel commercio elettronico. Riflessioni sul significato della distinzione B2C-B2B”.  Master in “Banca, borsa e assicurazione”.  Borsa di studio del dottorato in Diritto pubblico e dell'economia, durante il quale ha orientato la sua ricerca sul diritto d'accesso ad Internet. Cultore della materia “Diritto dell'Informatica” presso la facoltà di Economia di Pisa, svolge attività di sostegno alla didattica per le due cattedre di Diritto dell'informatica e Istituzioni di diritto privato. Dal 2012 collabora con il CNR, Istituto di Informatica e telematica per attività di ricerca nel campo della Internet Governance. Socio del'Internet Society Italia.

 


[5]      

Titolo: Condivisione dei contenuti e della conoscenza in rete

Relatore: Avv. Chiara Pasquinelli, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto IIT

Data: da definirsi, inizio 2013

Sommario: Internet rappresenta un'opportunità senza precedenti per la condivisione di informazione e conoscenza. Permette inoltre a tutti gli utenti, con minime barriere di accesso, di creare contenuti e applicazioni. Il seminario sarà una occasione di riflessione  sulla qualità dell'informazione disponibile in rete. Si approfondirà inoltre  il tema dell'uso del "software libero" non solo privatamente ma anche nelle scuole, nelle Pubbliche Amministrazioni, così come si cercherà di dibattere sul concetto non ancora molto chiaro di "dato aperto".

CV relatore:   Avvocato del Foro di Massa e docente nell’Università di Pisa, attualmente collabora con l'Istituto di Informatica e Telematica del CNR nello studio del fenomeno Open Data. Ha conseguito un dottorato di ricerca in Diritto privato nell’Università di Pisa ed è autrice di numerose pubblicazioni su riviste giuridiche e di un lavoro monografico. Si occupa inoltre di formazione ed aggiornamento professionale per professionisti e aziende.

 


Dal 21/11/2012-15.30 al 21/11/2012-15.30 , Licei di Massa

Speaker: Valentina Amenta, Antonella Giulia Pizzaleo, Stefano Trumpy, Chiara Pasquinelli (Dip. di Giurisprudenza, Univ. di Pisa)

Responsabile: Laura Abba

Attività: Consolidamento e rafforzamento delle attività tecnico-scientifiche in materia di Internet Governance